:: Home » Numeri » #180 » LETTERATURA » Osservazioni psicologiche - Paul Rée
2010
23
Lug

Osservazioni psicologiche - Paul Rée

media 3.12 dopo 130 voti
Commenti () - Page hits: 6800
a cura di Domenico M. Fazio,
Pensa Multimedia (Lecce, 2010)
pag. 176, euro 20.00
 
"Su libri e scrittori", "Sulle azioni degli uomini e sui loro motivi", "Su donne, amore e matrimonio", "Pensieri diversi", "Sulle faccende religiose", "Su felicità e infelicità", "Saggio sulla vanità": sono i titoli delle dissertazioni di Paul Ludwig Carl Heinrich Rée, delle sezioni, incatenate e concatenate, del libro "Osservazioni psicologiche", della catena d'aforismi che il pensatore ha lasciato ai posteri. Il docente universitario Domenico Fazio, curatore insieme ad altri due studiosi della collana del "Centro interdipartimentale di ricerca su Artur Schopenhauer e la sua scuola dell'Università del Salento" è l'intellettuale al quale si deve dire grazie per aver permesso la ripubblicazione, in un'edizione riveduta ampliata e corretta dell'opera di Rée, già uscita nel 2000 presso Editori Riuniti. Fazio, che affida molto a una lunga e interessantissima, soprattutto per la rivisitazione' del rapporto fra l'autore Rée e uno dei suoi amici, l'altro grande filosofo Nietzsche, aiuta la rivalutazione d'una delle figure più importanti per la cultura filosofica moderna. Che, oltre a essere figlio elettivo, per sua volontà e ricerca, di Schopenaeur, appunto, Rée, e lo si capisce leggendo gli scritti, brevi, che rispondono a una massima breve e lunga allo stesso tempo: "l'uomo è l'animale malvagio per l'eccellenza", ma in special modo alla voglia: "alcuni leggono per formare il loro cuore, altri per formare il loro spirito: io scrivo per questi ultimi". Il fermento dello studio di Paul Rée, che possiamo apprezzare nella sintesi lasciataci in questo spazio intellettuale tutto legato alla ricerca d'un'analisi interminabile, esprime, oltre a dubbi legati al tempo e al suo lascito verso il valore naturale riconosciuto alla donna', l'implacabile rappresentazione della mente dell'uomo nell'atto stesso di ragionare per se stesso, soprattutto, e in lega con l'altro o gli altri. Il discorso di Paul Rée, che indubbiamente si deve togliere dal piccolo grembo dell'influenza, ovviamente reciproca, fra lui stesso e il suo Nietzsche, entra nelle viscere d'una predisposizione della persona a essere impregnata e a cercare d'impregnare nel costante lungo interminabile momento e movimento della sua atroce e malefica vanità. In virtù della comparsa di questa nuova versione' delle "Osservazioni psicologiche" si riprova ad andare indietro per capire chi già molto aveva evidentemente capito.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 136 millisecondi