KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

19/08/1999

1 min read

19/08/99

Vorrei riuscire a ricordare
Anche questa notte
Come ti chiamai
Quando ti vidi
Pallida
Come la luna
D’agosto
In battaglia
Con il tuo gelido specchio
E vorrei ricordare
Il nome
Che diedi
Quella notte
All’amore mio
In riva al lago
Quell’amore mio
Straziato
Muto
Disperato
Privo di lacrime
E vorrei
Dare un nome
A tutti i sogni
Di tutti i giorni
Passati
A chiamarti
Tu
Amore mio senza
Più nome
I capelli
Intrisi di pioggia
Color del sole
Il sorriso
Tuo
Ancora
Bagnarmi
Le labbra
In questo sogno
Paura e solitudine
La notte in cui mi svegliai
Urlando
Le rare parole
I ricordi infilzati
Le carezze sussurrate
I baci tremanti
Il tuo nome
Fra pagine
Scolorite
Fioche lampare
Poveri clochard
Allungo impaurito
Le mani
Fino a toccarti.

Matteo Ranzi

Altri articoli correlati

7 min read
6 min read
1 min read

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.