:: Home » Numeri » #53 » OPINIONI » I novant'anni di Indro Montanelli
1999
25
Mag

I novant'anni di Indro Montanelli

Commenti () - Page hits: 2850
I novant'anni di Indro Montanelli


22 Aprile: compleanno di Montanelli. E' stato detto di tutto su questo Grande Vecchio del giornalismo italiano, questo pezzo di storia d'Italia, questo monumento nazionale: anche chi lo attaccava quotidianamente negli anni di piombo, ora lo riverisce e lo ammira, si scatenano agiografi e televisioni per un ex-reietto della carta stampata. La nuova sinistra vede come un modello l'ex-direttore del "Giornale nuovo", colui che aveva osato dar vita a un quotidiano moderato in un periodo, il decennio 1970-1980, in cui l'Italia si era svegliata rivoluzionaria e barricadera.
Per fortuna: significa che sono caduti gli steccati dell'odio frontale tra opposte barricate, e anche il nostro leone di Fucecchio può accostarsi a Prodi e all'Ulivo rimanendo sé stesso, senza rinnegare nulla delle sue idealità, del suo carattere ringhioso e anarchico - seppur di destra.
Mario Cervi ha scritto che i progressisti hanno "monumentalizzato" Montanelli per "neutralizzarlo". Forse era vero nel 1986…non so se possa essere vero ancora oggi. Io spero questa passione per un antico nemico voglia dire che i tempi sono cambiati, che, semplicemente, la "guerra ideologica" è finita, si è consumata in troppi scontri, troppe lotte, troppi cortei, troppi slogan negli anni delle generazioni prima della nostra.
Non so se quel "toscanaccio" si trovi completamente a suo agio coi tappeti rossi e i petali di rosa sparsi al suo passaggio. Lui che era abituato alla guerra, fin da giovanissimo, volontario in Abissinia nel 1935, in seguito inviato per il "Corriere" in Finlandia e in tutti i fronti della seconda guerra mondiale. Lui fascista della prima ora, e poi disgustato dalla grettezza del regime, come tanti universitari dell'epoca; lui perseguitato politico, condannato a morte dai nazisti e salvato da un mezzo miracolo (forse chi ha visto la morte da vicino vive più a lungo!)
Lui amico di Longanesi, di Prezzolini; lui che ha sfidato il clima di un'epoca abbandonando il "Corriere della Sera" e fondando "Il Giornale"; lui che ha rifiutato la carica di senatore a vita; lui che ha detto "turatevi il naso e votate DC" nel 1976, ed è stato per questo insultato e disprezzato per anni…
Chissà se adesso riesce ad abituarsi all'ammirazione, lui assuefatto all'isolamento, all'affetto di gruppi ridotti e fedelissimi che sventolavano il quotidiano da lui diretto come una bandiera.
Lo so, non ho nessun titolo per unirmi al coro degli auguri e degli elogi; eppure, voglio aggiungere anche la mia piccola voce per festeggiare questo secolo di storia d'Italia, riassunto in molte rughe e in occhi che non potrebbero essere più penetranti e più vivi.
Buon compleanno, Indro.


Lorenza Ceriati
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Lorenza Ceriati
Sono nata a Piacenza il 16 agosto 1974; dopo la laurea in Lettere Moderne, indirizzo storico, alla Statale di Milano, mi sono trasferita a Modena, dove da sei anni insegno (da precaria, ovviamente, ma resta un lavoro bellissimo) italiano e storia nelle scuole superiori, soprattutto professionali. Ho redatto diversi manuali per la casa editrice ''Sigem'' e curato la rubrica ''Sussurri'' per KULT Underground; oggi collaboro con la rivista ''Comunica''. Sono sposata da quasi tre anni e finalmente ho realizzato il mio obiettivo più importante: mettere in cantiere un bimbo, che nascerà a giugno 2007.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 135 millisecondi