:: Home » Numeri » #172 » LETTERATURA » La vita che volevo - Lorenzo Licalzi
2009
26
Nov

La vita che volevo - Lorenzo Licalzi

media 3.06 dopo 136 voti
Commenti () - Page hits: 6150
Pagg. 205 Euro 18
Rizzoli Editore
 
"Ma è questa la vita che volevi? E' la domanda che una zingara rivolge allo scrittore dopo avergli domandato l'elemosina e che dà lo spunto a Licalzi per dare vita ad  libro che si compone di dodici racconti (il primo e l'ultimo autobiografici). Racconti che, letti di seguito,  costituiscono un corpus unico, tasselli di un mosaico che finiscono per dare vita ad un romanzo corale. Lo scrittore delinea diversi tipi di personaggi e situazioni: la bella infermiera Laura che, reduce dal fallimento di una storia d'amore, finisce per ricadere nella trappola degli uomini, Patrizia e Carla, ne "L'indovinello" , la prima  casalinga ,la seconda manager che fanno i conti con le loro "assenze di fondo", la mancanza di lavoro da una parte e la mancata maternità dall'altra, "l'assenza più importante nella vita di una donna",    mente i loro uomini sono alle prese con una partita di poker. Licalzi  descrive efficacemente anche altri personaggi come Maddalena che, il giorno della sua vita, come le aveva predetto una veggente,  piuttosto che incontrare l'amore della sua vita,  muore investita dal Suv di Paolo che doveva sposare o come il vecchio, nel racconto " Le mani" che aspetta tutta la vita la sua Caterina.  Filo conduttore dei racconti che si intrecciano magistralmente, sono due coordinate: le scelte che si fanno nella vita, o i rimpianti per averne fatte altre, ma anche il fantasticare di un'esistenza diversa da quella che conduciamo. Tutti, secondo Licalzi, (ed in questo ha perfettamente ragione) pensiamo che avremmo potuto realizzare altre cose, ma il caso, la fatalità, il destino non hanno voluto. Del resto, lo stesso scrittore, nell'ultimo capitolo autobiografico dove ci parla della sua vita afferma che " io di vite ne avrei potuto fare cinque o sei, perché le vie del destino sono infinite, e se è vero che Dio ha inserito nelle nostre esistenze, la variabile caso, per movimentare n po' la situazione, è anche vero che a volte neanche ce ne accorgiamo,perché fa capolino nelle cose più piccole: una sveglia che non suona, un numero telefonico sbagliato, un caffè preso in un bar diverso dal solito". Lo scrittore sottolinea e rassicura il lettore che non vi è motivo di disperarsi,  perché tutte le vite che avremmo voluto le stiamo vivendo, proprio ora, in altri universi.  Ironico, divertente, gioioso, Licalzi è capace di dare vita al  racconto intenso e struggente, nonché perfetto,  come "Tutta la mia vita in un attimo", il migliore  della raccolta e di cambiare abilmente registro narrativo. I personaggi sono tratteggiati molto bene e lo scrittore, aiutato dal fatto di essere uno  psicologo, riesce a  dare vita ad una acuta analisi introspezione psicologica degli stessi. Il  libro è scorrevole, abilmente costruito e  sarà amato da chi ha letto ed apprezzato i  precedenti libri dello scrittore genovese come Io no che lo ha fatto conoscere al grande pubblico, Che cosa ti aspetti da me? Il privilegio di essere un guru, per  citare alcuni titoli dei sette libri scritti dallo scrittore.     Licalzi è certamente un narratore  particolare, difficilmente catalogabile,  basti pensare al racconto "Due dialoghi stupefacenti", apparentemente dal tono scanzonato, ma in realtà profondo conoscitore dell'animo umano. Al lettore, non resta, alla fine della lettura del libro, che porsi, inevitabilmente,  l'inquietante interrogativo: è questa la vita che io  volevo?
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Pubblicista iscritto all'Ordine dal 1984. Sposato, due figli, 47 anni, dipendente del comune di Trapani. Svolge, dal 1981, il ruolo di corrispondente da Partanna (Trapani) per il ''Giornale di Sicilia'', collabora al sito libri.brik.it, cura una pagina di libri sul periodico ''Il Belice'', ha collaborato al sito, oggi chiuso, della scrittrice Francesca Mazzucato e alla rubrica ''I libri della settimana'' curata da Giancarlo Macaluso sul sito de ''Il Sicilia'' anch'esso chiuso. Non si considera un critico letterario, solo una persona che ama i libri.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 204 millisecondi