:: Home » Numeri » #172 » LETTERATURA » Di tutti e di nessuno - Grazia Verasani
2009
1
Nov

Di tutti e di nessuno - Grazia Verasani

media 3.04 dopo 164 voti
Commenti () - Page hits: 5600

pagg.237 euro 15 Kowalski editore

Dopo la parentesi intimista ed esistenzialista espressa nel libro "Tutto il freddo che ho preso", la scrittrice bolognese ritorna con il personaggio creato con il libro "Quo vadis, baby" dal quale Gabriele Salvatores ha tratto l'omonimo film e riproposto con il romanzo " Velocemente da nessuna parte": l'investigatrice  privata Giorgia Cantini, un passato doloroso alle spalle come il suicidio della sorella Ada, single, anticonformista, Camel perennemente in bocca che si aggira per Bologna a bordo di una vecchia Citroen. Questa volta Giorgia è alle prese con un duplice caso. L'uccisione di Franca Palmieri, una donna che introduceva i giovani del suo quartiere alle gioie del sesso senza volere nulla in cambio, per essere di tutti e di nessuno. Franca abitava nello stesso quartiere e  l'uccisione della "Ragazzi dei rospi", così come veniva chiamata la donna,  induce, inevitabilmente, l'investigatrice a fare i conti con i proprio passato, ricercando i vecchi ragazzi del muretto che frequentavano l'American Bar, a cercare di ricostruire la vita di questa donna eccentrica e perché si è allontanata dal quartiere  dopo essere rimasta incinta. Vi è un altro caso che Gorgia deve cercare di risolvere.  Barbara, una giovane diciottenne, sensibile ed amante dell'arte, ha deciso di abbandonare il liceo ed è scappata da casa. Due casi diversi, non legati da nessun filo conduttore, ma che la Verasani riesce egregiamente ad amalgamare molto bene, tanto che i libro riserva al lettore più di una sorpresa nei finali.  Due, di conseguenza, i registri narrativi: le indagini sulla morte dell'eccentrica Franca, il ritorno ad un passato pressoché dimenticato e l presente, i pedinamenti alla ricerca del male oscuro che tormenta  Barbara. Registri narrativi che non si sovrappongono, ma finiscono  per diventare, ed è questo è  il merito della scrittrice, un'unica storia, la cui scrittura scorre fluida, senza stentare mai il passo narrativo. Il libro  è avvincente, la Verasani, rispetto ai precedenti,  dimostra più facilità nel descrivere personaggi e situazioni, nel tratteggiare i personaggi , come il padre di Barbara, il regista Guido  Turriti, gli amici d'infanzia   Nino, Lauro,  introducendo la figura dell'assistente di studio Genzianella . Un noir ambientato in una Bologna , città amata –odiata dalla scrittrice, città diversa rispetto al passato, dove la cultura non riveste il ruolo primario  rivestito in  passato.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Pubblicista iscritto all'Ordine dal 1984. Sposato, due figli, 47 anni, dipendente del comune di Trapani. Svolge, dal 1981, il ruolo di corrispondente da Partanna (Trapani) per il ''Giornale di Sicilia'', collabora al sito libri.brik.it, cura una pagina di libri sul periodico ''Il Belice'', ha collaborato al sito, oggi chiuso, della scrittrice Francesca Mazzucato e alla rubrica ''I libri della settimana'' curata da Giancarlo Macaluso sul sito de ''Il Sicilia'' anch'esso chiuso. Non si considera un critico letterario, solo una persona che ama i libri.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 237 millisecondi