KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Giù le mani dal Rock

3 min read

Giù le mani dal Rock
Progetto Fame Zero3

Se vi piace la musica – anche quando chi canta non è nelle hit-parade – avete una decina di euro di cui disporre – e vi va pure di fare una buona azione a favore del Brasile – questo CD (anzi, questo DOPPIO CD) fa per voi.
L’idea di solidarietà è, in questo caso, partita a Vignola da parte un gruppo di
appassionati4, che sono riusciti in primo luogo a produrre2 un CD musicale interessante e variegato, e in seconda istanza a "corredarlo" di un secondo CD multimediale con moltissimo materiale informativo sull’iniziativa e sulle tante band che si sono prestate gratuitamente a questo evento.

Tra l’altro, oltre ai gruppi locali, in "Giù le mani dal Rock" sono state inserite anche alcuni interventi di tutto rispetto. I disponibili "Big" di questa raccolta sono infatti i Modena City Ramblers, che propongono "Il ballo di Aureliano", gli Skiantos (con "Pacifisti oltranzisti"), i Subsonica (con "Istantanee"), più i Bermuda Acustic Trio ("Ti sono a fianco") e Alex Lunati (con "Chiama di notte").

Gli altri undici pezzi – quasi tutti rock melodico o pop – sono di buon livello, hanno quasi tutti sonorità orecchiabili e testi che rimangono impressi. Magari qualche brano ricorda qualcosa di già sentito – ma questo, più che un difetto risulta un pregio, che sottolinea il buon livello tecnico e vocale di tutti i partecipanti.
Saltando i già citati pezzi dei big, si parte con "Illusione" di "The Shockin Shackers" (che cantano "apro gli occhi e vedo tutto sbagliato/perché sognare oggi è reato"), poi si passa a "Giù le mani dal Rock" degli Help ("giù le mani dal rock/non ti disseta ne vuoi sempre di più"); "Oggi" è il pezzo degli
Humus5, seguito dalla simpatica "Parole per cose mai successe" del Gruppo Fonico Locale. Poi un veloce pezzo dai ritmi ska dagli Ex Presidenti, intitolato Malibù e dopo uno metal (e particolarmente strutturato): "Non mi avrai mai" dei Crimes.
Si arriva quindi all’unico pezzo Rap del CD: "Mente disconnessa" dei PLM.(interessante eccezione, trascinante e ben ritmato – che ha echi evidenti dei Sangue Misto); dopo ecco un’altro pezzo di un buon rock, intitolato "Muro di gomma" dei Substrato, "Luomotopo" degli Angus Mc 06, dalla accattivante base blues, poi "Se credi" di Hanima e infine un melodico "Un corpo una mente un’anima" delle Ombre Bianche.

Che dire? se riuscite a trovarlo (non so quanto ampia sia la distribuzione), fateci veramente un pensiero.
Un solo commento finale: sarebbe bello che i CD musicali costassero sempre una decina di euro.

Marco Giorgini

1
locali e non

2
con il supporto di sponsor come Unione Torre di Castelli e Arredamenti Garagnani – più il Comune di Marano sul Panaro e Maranello

3
Questo è il manifesto di Fame Zero:

"Vogliamo creare le condizioni affinché tutte le persone nel nostro paese possano mangiare decentemente tre volte al giorno, tutti i giorni, senza aver bisogno delle donazioni di nessuno.
Il Brasile non può più convivere con tanta disuguaglianza. Abbiamo bisogno di vincere la fame, la miseria e l’esclusione sociale.
La nostra è una guerra per salvare delle vite, non per uccidere."

Luiz Inàcio Lula da Silva
Presidente della Repubblica Brasiliana

Per maggiori informazioni:
www.famezero.org

4
Sara Lenzi, Mirco Amidei, Enrico Grandi, Ruggero Costa, Roberto Chiodi, Maurizio Cordedda, Claudio Grappi, Francesca Zammitti, Marcello Beccati, Luca Lattuga, Enrico Capitani e Daria Denti

5
uno dei gruppi che mi ha colpito di più – come suoni e come voce

Altri articoli correlati

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.