KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

11-set-01

1 min read

11 settembre 2001


Trema dal mare il vento,
tepore di carezze lusinga,
spazza un cielo di cristallo,
coppa di luce chiara;
solcano bianche ali
giocose su onde lievi;
quattro gabbiani sulla riva
stridono storie lontane;
squillano voci di bimbi
da innocenti rincorse.

Altrove …

atroce, a picco, dal cielo
precipita fragore di morte:
nel fumo, detriti di membra.
Macerie di polvere e sangue
travolgono vite ignare.
Sepolti: strategie di banche,
progetti ambiziosi di lucro,
affanni di borse sorprese …
Scoppia impazzito un mondo,
sussulta svigorito,
grida invettive
su altri sconosciuti poteri,
ansioso di vendetta e sangue.
Nel fascio della povertà
fugge atterrito un popolo:
stille di sudore e sangue
in brividi di paura trascina.

L’uomo ferito al cuore
muto rimane e solo;
cieco, smarrito, ignaro
annaspa speranze nuove.
La Storia, pietra immobile,
lezioni confuse balbetta.


Mirella Floris

(da Lampi del tempo – ed: Proposte editoriali)

Altri articoli correlati

7 min read
6 min read
1 min read

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.