:: Home » Numeri » #39 » LETTERATURA » Perché leggere i classici
1998
25
Feb

Perché leggere i classici

media 3 dopo 3 voti
Commenti () - Page hits: 4100
Perché leggere i classici

Brevi cenni sull'universo - Parte I


Libertà assoluta di giudizio, di scelta, di pensiero. E' l'utopia più bella, la più grande, l'unica forse per cui valga la pena di morire: ma non è né raggiungibile né umana. Perché l'uomo, purtroppo, non vive nell'assoluto ma nella contingenza, nella storia: e la prospettiva storica rinchiude la sua mente in una piccola stanza, nell'infinito delle possibili.
Mentre gridiamo la nostra individualità, lo spirito del tempo si agita in noi e ci condiziona: le passioni, le inquietudini, le incertezze, le mode. Il Romanticismo è nato nell'Ottocento, il Decadentismo nei travagli di un secolo morente; Dante è senz'altro un genio, ma non avrebbe potuto scrivere la "Commedia" all'epoca di Petrarca, senza l'impianto delle certezze medievali, così come Diderot e D'Alembert non avrebbero dato vita alla poderosa "Encyclopedie" se non nel Secolo dei Lumi - il Settecento francese avido di chiarezza e di sapere.
Nessun movimento, è vero, nessun sistema di pensiero esprime unitariamente il Novecento: molte sigle, Futurismo, Esistenzialismo,
Pop-Art, Post-modernismo, tendenze disparate e frammentarie. In apparenza la libertà è aumentata, non ci sono più schemi codificati in cui viene incanalato il pensiero, e nemmeno modelli di comportamento rigidi (come ci sono sempre stati in tutte le epoche, anche se a volte i cineasti se ne dimenticano e ci propinano Robin Hood terzomondisti,
Ulissi freudiani, Promessi Sposi in stile "Harmony").
Naturalmente, però, la mancanza di modelli è solo un'illusione. L'uomo non è una monade, un mondo a sé, ma è connesso all'ambiente, alla società, da migliaia di invisibili fili, anche se li rifiuta o si ribella ne è influenzato: anzi, NON PUO' rifiutarli perché sono dentro di lui. La storia ci abbraccia e ci tiene prigionieri: ma le grandi opere, i grandi pensieri, resistono attraverso il tempo, e in ogni epoca sembrano arricchirsi di nuova sensibilità e rinnovarsi. Ecco perché bisogna leggere i classici: sono ciò che rimane dal fluire delle mode spirituali, delle storiche contingenze, e mentre interpretano il loro mondo piccolo e lontano nel tempo, esprimono quell'angolino di assoluta libertà e di verità universale che rimane, durante i secoli, nell'uomo.

Lorenza Ceriati

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Lorenza Ceriati
Sono nata a Piacenza il 16 agosto 1974; dopo la laurea in Lettere Moderne, indirizzo storico, alla Statale di Milano, mi sono trasferita a Modena, dove da sei anni insegno (da precaria, ovviamente, ma resta un lavoro bellissimo) italiano e storia nelle scuole superiori, soprattutto professionali. Ho redatto diversi manuali per la casa editrice ''Sigem'' e curato la rubrica ''Sussurri'' per KULT Underground; oggi collaboro con la rivista ''Comunica''. Sono sposata da quasi tre anni e finalmente ho realizzato il mio obiettivo più importante: mettere in cantiere un bimbo, che nascerà a giugno 2007.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 256 millisecondi