:: Home » Numeri » #166 » CINEMA » Antichrist
2009
27
Mag

Antichrist

media 3.52 dopo 250 voti
Commenti () - Page hits: 3900
 
Ne Le Onde del destino e in Dancer in the dark Lars Von Trier aveva descritto due figure femminili capaci di trasformare l'amore in sacrifico, dimostrando come la forma più alta dell'amore sia quella che spinge una persona a rinunciare alla propria vita per quella di un'altra. Bess e Selma sono due figure profondamente cristiane, in grado di sopportare umiliazioni e sofferenze in nome di un sentimento che travalica la carne per diventare conquista spirituale. Nella sua ultima opera, il regista danese, capovolge queste due figure e ci mostra una donna incapace di ritrovare nell'amore la sua unica via di salvezza dal dolore che sta provando e in cui è sprofondata. Antichrist non è infatti una ricerca delle origini del male quanto un'analisi (psicologica, spirituale, per immagini) su come l'assenza d'amore possa portare una donna sull'orlo della follia. Lei deve sopportare il peso della morte del figlio avvenuta proprio durante un atto d'amore carnale. Ed è infatti la carne della donna la prima ad essere martoriata, nel momento in cui lei si accorge che il sesso non ha più nessuna funzione (liberatoria, di piacere) ma rimane la ripetizione di quell'atto che ha portato alla morte del figlio. Von Trier commette però l'errore di volere ad ogni costo provocare lo spettatore, risultano infatti inutili i dettagli degli organi genitali dei protagonisti, quanto l'uso forzato di alcuni elementi stilistici (il prologo in bianco e nero e al rallentatore). In questo modo il regista danese scardina l'idea stessa di purezza e di smascheramento dell'artificio artistico di tutto il suo cinema. Antichrist è una riflessione misogina sulla figura di una donna che non riesce a sacrificarsi, che non riesce a provare quell'amore profondo che può farle superare qualsiasi disperazione e baratro emotivo. L'uomo che ha accanto è solo il suo terapeuta, non più il padre del figlio morto. E diverrà la valvola di sfogo del suo malessere e della sua pazzia.
Von Trier, insieme al direttore della fotografia Anthony Dod Mantle Shore, compie invece un egregio lavoro sulla fotografia e su alcune invenzioni visive, trasmettendo vera inquietudine attraverso le immagini di boschi sacrileghi, luoghi ideali per le danze delle streghe e per i loro sortilegi. La Natura non accoglie più gli esseri umani dentro di sé per proteggerli, ma mostra loro quanto la morte e la sopraffazione siano elementi inscindibili dal nostro esistere. E proprio in questo ordine mortifero delle cose il vero Anticristo è colui che rinuncia all'amore e che non trova più in esso la forza per cambiare se stesso e il mondo che ha intorno.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 157 millisecondi