:: Home » Numeri » #22 » SUSSURRI » Nella stanza dei pittori ad Arundel
1996
25
Set

Nella stanza dei pittori ad Arundel

Commenti () - Page hits: 2200
Nella stanza dei pittori ad Arundel


Dolce e crudele
la pioggia

spezza il ricordo ultimo

della bellezza

degli occhi di ghiaccio

Nella memoria dei venti

che dipingono i cieli

del Sussex

ho visto volare il tuo

sorriso.

Dove ti ritroverò?

Forse nelle ripide strade

che portano le nostre anime

fino alla Cattedrale?

O nelle stanze del vecchio

castello?

Nell'ultimo boccale di

Guinness?

Nei sentieri che si perdono

nel verde dei campi infiniti?

O forse nel volo dell'aquila?

Ti perdevo

e tu suonavi,

nella stanza dei

pittori

ad Arundel.

Volgevo lo sguardo

oltre il tempo

nel vano tentativo

di afferrare qualcosa

di tuo

ma il tramonto

Ti avvolse

e nella notte inglese

svanisti.


Non siamo altro

che tombe di ricordi.


Matteo Ranzi

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Matteo Ranzi
Matteo Ranzi nato il 16/8/67 a bologna risiede a imola dal 1992. Diplomato in ragioneria gestisce una palestra dal 1997. Ha collaborato più o meno stabilmente con KULT Underground intorno al 1995 come autore di poesie, autore anche di tre famosi articoli sulla guerra in Bosnia ed Erzegovina.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 126 millisecondi