:: Home » Numeri » #164 » LETTERATURA » Identità distorte - Massimo Maugeri
2009
14
Mar

Identità distorte - Massimo Maugeri

media 3.17 dopo 197 voti
Commenti () - Page hits: 5100
In copertina autoritratto
frazionato in tre di Salvador Dalì
Casa Editrice Prova d'Autore
Narrativa romanzo
Pagg. 154
ISBN: 9788888555614
Prezzo: € 10,00

Ci si lamenta spesso del fatto che gli autori italiani siano incapaci di scrivere qualche cosa di realmente nuovo, qualità questa che viene riconosciuta invece a non pochi statunitensi.
Eppure, per trovare da noi qualcuno che sappia innovare non c'è bisogno di andare a bazzicare qualche scuola di scrittura creativa, ma basta fare un salto in provincia di Catania per imbattersi in Massimo Maugeri, che con il suo lavoro d'esordio ha saputo lanciare una sfida ai narratori di oltre Atlantico.
Identità distorte è, a definirlo riduttivamente, un thriller dalla trama particolarmente avvincente che non può lasciare indifferente il lettore anche per il messaggio in esso contenuto. Il potere, capace di assoggettare tutti gli uomini, compresi quelli che lo esercitano, è il motivo dominante che accompagna le righe di una storia costellata da continui colpi di scena, con precisi riferimenti a fatti e a situazioni recenti, tali da rendere palpitante la lettura, pur nella consapevolezza che i personaggi e la vicenda sono puro frutto della fantasia.
La narrazione ha un ritmo incalzante; i dialoghi sono sostenuti e talora anche convulsi, così da contribuire in modo quasi determinante  non solo a delineare i protagonisti, ma a chiarire, oppure a far nascere dubbi, in un avvicendarsi di eventi concatenati di pregevole fattura.
Su tutto domina una latente angoscia, che a tratti diventa quasi ossessione, in un'atmosfera degna dei migliori film di Hitchcok.
Non bisogna però lasciarsi prendere la mano, farsi travolgere dalla trama, ma è anche opportuno ogni tanto staccare - e non è facile, perché è quasi uno spasmo la curiosità di sapere quel che accadrà - per riflettere, perché questa fantasia è più che mai ancorata alla realtà, tanto che sorgono non pochi dubbi sul fatto di essere pedine di giochi di potere, di credere che sia reale ciò che ci viene imposto o blandito, di pensare di essere liberi di decidere quando altri già hanno deciso per noi, di sapere chi veramente siamo e dove andiamo.
Nasce così l'amara consapevolezza di essere le semplici comparse di una commedia ideata e diretta da altri e allora si collegano tanti fatti, dalle guerre che continuano a insanguinare il mondo, alla speculazione selvaggia di borsa, per giungere fino al terrorismo.
Non ci si può che chiedere se dietro a tutto ci sia un'unica regia, senza tuttavia aver riscontri se non nel dubbio che l'ipotesi non sia poi così infondata.
Massimo Maugeri non fornisce risposte che non conosce, ma illustra con abilità lo scenario di un mondo finalizzato solo al potere con tutti i possibili mezzi, leciti oppure no, ivi compresi i sistemi di addomesticamento della realtà, in una società altamente tecnicistica così da apparire ingannevolmente imparziale.
Non è il trionfo della macchina sugli uomini, ma quello degli uomini che muovono la macchina, un mondo disumanizzato, privo dell'unico elemento che potrebbe redimerlo: l'amore.
E' un messaggio forte - per certi aspetti con elementi addirittura profetici, visto che l'autore aveva previsto già nel 2005 l'attuale crisi finanziaria – e anche crudele, ma che lascia spazio a una speranza, concentrata in un verso di una poesia: Tutto passa, solo l'amore resta.
Identità distorte è un libro da leggere e da meditare, e quindi è sicuramente raccomandabile.   

Massimo Maugeri, scrittore siciliano nato nel 1968, collabora con le pagine culturali di importanti quotidiani e magazine. Suoi articoli sono apparsi su «Il Mattino», «Il Riformista», «La Sicilia», «Il Corriere Nazionale». Suoi racconti sono stati pubblicati su prestigiosi giornali e riviste letterarie. Il romanzo Identità distorte (Prova d'Autore, 2005) ha vinto il Premio Martoglio ed è stato finalista al Premio Brancati. Fa parte della redazione del blog letterario collettivo La poesia e lo spirito.
Ha ideato e gestisce il frequentatissimo Letteratitudine.
Ha curato Letteratitudine il libro, uscito nel dicembre del 2008 per i tipi della Azimut Libri.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 152 millisecondi