:: Home » Numeri » #162 » CINEMA » La Ragazza che saltava nel Tempo
2009
18
Gen

La Ragazza che saltava nel Tempo

media 2.74 dopo 549 voti
Commenti () - Page hits: 4600
 
La Ragazza che saltava nel Tempo, film d'animazione giapponese del 2006 per la regia di Mamoru Hosoda basato su un racconto di Yasutaka Tsutsui, sa miscelare molto bene l'elemento fantascientifico del time travel e le sue conseguenze, con i sentimenti, l'amicizia e la spensieratezza tipica dell'immaginario giovanile.
Makoto Konno, la protagonista, è una studentessa "maschiaccio", non particolarmente brillante, con una sorella più piccola con la quale non sempre va d'accordo, che ama passare i pomeriggi giocando a baseball con due suoi amici, Chiaki Mamiya e Kosuke Tsuda. Un giorno, in un laboratorio della scuola, tocca uno strano oggetto e da quel momento si accorge di potere, letteralmente, saltare avanti e indietro nel tempo. Questa sua abilità le salva la vita, e, una volta capito come funziona, le permette di togliersi piccole soddisfazioni quotidiane (come evitare che la sorellina le mangi il budino, o come rimanere a fare il karaoke per ore e ore in una stessa giornata). Ma l'avviso della giovane zia restauratrice, unica confidente, da il tono a quello che capiterà. Le cose hanno tutte delle conseguenze che non sempre è possibile riuscire a sistemare. Interessante la costruzione dei vari personaggi, ottimo il ritmo e i dialoghi, molto bello il progredire del tema sentimentale - degli affetti che iniziano a crescere e di cui ci si rende conto quando le cose vengono alterate - tanto che il continuo saltare avanti e indietro fa capire come le emozioni siano spesso frutto anche di attimi, di momenti specifici, che se non vissuti, o se cambiati, possono portare a situazioni diverse. Notevole anche il "doppio" finale, o forse sarebbe più corretto dire il finale in due tempi. Il primo, che chiude il cerchio in modo più "normale" (un poco alla "butterfly effect"), e il secondo che permette in qualche modo un lieto fine, in un'opera allegra che in effetti ne lasciava supporre uno.
Un film di più di un'ora e mezza consigliabile a per tutti, non banale e molto gradevole, che potrà piacere anche a chi non è necessariamente appassionato di anime.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Marco Giorgini
Marco Giorgini è nato a Modena il 21 Agosto 1971 e lavora come responsabile del settore R&D in una delle più importanti software house italiane che si occupano di linguistica applicata. Dal 1994 coordina la rivista culturale KULT Underground e dal 1996 la casa editrice virtuale KULT Virtual Press; ha tenuto conferenze, e contribuito ad organizzare mostre e concorsi letterari, tra cui ''Il sogno di Holden''. Da marzo 2005 è autore di una striscia a fumetti sul mondo degli esordienti chiamata Kurt.
MAIL: marco@kultunderground.org
WEB:
www.kurtcomics.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 119 millisecondi