:: Home » Numeri » #160 » LETTERATURA » Bambole perdute - Renzo Saffi
2008
10
Nov

Bambole perdute - Renzo Saffi

media 3.56 dopo 665 voti
Commenti () - Page hits: 8600
Dario Flaccovio Editore  
Pag. 192 – Euro 14,00
 
Renzo Saffi ha talento da vendere e lo dimostra in questo eccellente romanzo noir che a tratti ricorda pellicole del cinema  italiano anni Settanta come Romanzo popolare e La classe operaia va in Paradiso. Bambole perdute è molto di più che narrativa di genere, non è soltanto opera di mero intrattenimento, perché l'autore affronta il problema delle attuali condizioni degli operai all'interno di una fabbrica siderurgica e dimostra buona conoscenza della realtà. L'ambientazione bergamasca è perfetta, i notturni di periferia sono vissuti e ben metabolizzati, la storia si dipana tra città e provincia accompagnando il lettore in una vera e propria discesa negli inferi. Lo stile di Saffi è tagliente e rapido, alterna poche descrizioni a dialoghi, conduce il lettore per mano in una storia sempre più degradante. Tutto comincia con una fattura d'amore in un campo di zingari alla periferia di Bergamo, un uomo molla la famiglia per inseguire una bambola perduta che lo vuole soltanto per sé, ma troppe cose non tornano, tanti misteri vengono alla ribalta e anticipano un tragico finale. Non è possibile dire molto sulla trama, perché il palinsesto da giallo misterioso è un elemento più importante e non va svelato. Saffi conduce un'interessante analisi psicologica sui personaggi, costruiti come un uomo che cerca la sorella morta nelle donne che incontra e come una donna alla perenne ricerca d'un padre scomparso. Bambole perdute è un segnale di vitalità della narrativa italiana contemporanea, un noir crudo e senza speranza, molto vicino alle storie del terrore. La scrittura è talmente cinematografica da far pensare a una sceneggiatura, ma non né un difetto e neppure una critica nei confronti di un autore che è stato capace di tenermi incollato alla pagina per un'intera giornata. Consigliato a chi ama la suspense.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi
Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Ha tradotto i romanzi del cubano Alejandro Torreguitart Ruiz: Machi di carta (Stampa Alternativa, 2003), La Marina del mio passato (Nonsoloparole, 2003), Vita da jinetera (Il Foglio, 2005), Cuba particular – Sesso all’Avana (Stampa Alternativa, 2007), Adiós Fidel (A.Car., 2008) e Il mio nome è Che Guevara (Il Foglio, 2008). I suoi lavori più recenti di argomento cubano sono: Nero Tropicale (Terzo Millennio, 2003), Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Orrori tropicali – storie di vudu, santeria e palo mayombe (Il Foglio, 2006), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Avana Killing (Sered, 2008), Mi Cuba (Mediane, 2008) e Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009).
MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 134 millisecondi